La Presidente della Provincia di Arezzo Silvia Chiassai Martini e il Responsabile di Confindustria Toscana Sud Delegazione di Arezzo Alessandro Tarquini stamattina si sono recati dal Prefetto Anna Palombi per un confronto dopo che, nel corso di una settimana, due incendi hanno interessato due importanti stabilimenti produttivi nel Comune di Bucine.

“Ieri sera, appena avvertita di quanto stava accedendo - afferma la Presidente della Provincia - mi sono recata personalmente sul posto per verificare l'entità del danno a una delle realtà produttive e lavorative più importanti del Valdarno, ma anche per avere un riscontro circa il rischio legato alla diffusione dei fumi nell'aria, tenuti subito sotto controllo e senza alcuna conseguenza sulla salute. La situazione è preoccupante – dice Silvia Chiassai Martini – si tratta di 2 grandi aziende, 400 dipendenti la Lem Industries e 150 Valentino Shoes, che a distanza di pochi giorni sono state devastate da roghi di vaste proporzioni che ne hanno distrutto la funzionalità. Siamo grati al Prefetto che ci accordato immediatamente un incontro, ascoltando le nostre richieste rendendosi disponibile a valutarle e a prendere opportuni provvedimenti – dice Chiassai Martini - è necessario comprendere quale sia stata la natura dei 2 incendi ed attivare i controlli necessari per evitare che si possano verificare altri episodi del genere. La sicurezza delle nostre imprese e dei cittadini deve rappresentare una priorità da coltivare in sinergia e in stretta collaborazione con tutte le Istituzioni del territorio”.

Sulla stessa linea Alessandro Tarquini: “Siamo vicini alla proprietà delle aziende e alle rispettive maestranze. Il pronto intervento dei Vigili del Fuoco è riuscito ad evitare che l’incendio si propagasse anche alle imprese circostanti– spiega Tarquini – la paura del tutto giustificata degli altri imprenditori locali in questo momento è tanta. Abbiamo richiesto al Prefetto di intensificare, già da stasera, le misure di sicurezza nella zona industriale di Levane, con presidii notturni speciali delle forze dell’ordine per garantire maggiore controllo alle aziende dell’area. Il nostro sistema economico non può permettersi altri episodi come quello verificatosi stanotte. Apprezziamo molto la disponibilità mostrata dal Prefetto e confidiamo in indagini celeri che permettano di individuare la causa di questi gravi eventi.

Anche Il Sindaco di Bucine, Nicola Benini è intervenuto sulla vicenda:

“Questo secondo incendio in pochi giorni fa crescere la preoccupazione di tutte le aziende della zona e della popolazione residente. Fortunatamente i rilievi di ieri sera dei Vigili del Fuoco e di stamani di Arpat hanno escluso conseguenze gravi per quanto riguarda l'inquinamento dell'aria. Le conseguenze più gravi sono per le due Aziende Valentino e Lem, che si sono messe all'opera per ripartire prima possibile e limitare i danni anche occupazionali. In un momento socio-economico così difficile questa è una ferita che rende la situazione ancora più difficile, per questo è indispensabile agire per rassicurare i tanti imprenditori della zona e tutelare i posti di lavoro"

09/04/2021

La Provincia di Arezzo non intende rimane inerme nei confronti della richiesta di Arpat di intervenire su Csai, gestore della discarica, a seguito della potenziale contaminazione delle falde acquifere. La Presidente Silvia Chiassai Martini, da anni in prima linea sui rischi per l’ambiente e per la salute dovuti alla presenza dell’impianto di Podere Rota, è intervenuta in merito:

“L’Arpat, nel rapporto che abbiamo

“Le modalità su cui con la Legge 56/14 si è costruito il sistema elettorale delle Province, insieme alla cancellazione delle Giunte provinciali e alla riduzione drastica del numero dei consiglieri , ha evidentemente ristretto i margini della presenza femminile negli organi di governo delle Province, fino all’ azzeramento dell’equilibrio di genere.  Considerato che

Silvia Chiassai Martini : la Provincia ha applicato uno sconto del 50% dal canone imposto dal Governo

La Presidente della Provincia di Arezzo Silvia Chiassai Martini precisa :

La tassa sui passi carrabili non è stata introdotta dalla Provincia di Arezzo, ma bensì da un obbligo normativo del Governo nel 2019 e poi confermata con il Decreto Milleproroghe 2020. La Provincia si è limitata ad

Grazie all’accordo tra Upi e CdP, le Province presenteranno progetti su scuole e strade che saranno al vaglio di Cassa Deposito e Prestiti, per ottenere la relativa assistenza. Silvia Chiassai Martini Vice Presidente di UPI soddisfatta di questa forte sinergia dichiara: “Sono stati oltre 200 i funzionari e dirigenti delle Province che oggi hanno

La Vice Presidente Upi Silvia Chiassai Martini soddisfatta per l’incontro che si è svolto oggi 23 marzo 2021 con il Ministro per la Funzione Pubblica Renato Brunetta : “L’incontro segna una svolta per le Province e per il rilancio dell’efficienza della PA locale. Piena è stata la sintonia tra Upi ed il Ministro circa gli obiettivi da perseguire, in un lavoro di squadra di tutte le istituzioni, per servire al meglio il Paese. Obiettivi che vanno dalla semplificazione delle procedure di reclutamento, al superamento dei vincoli e dei blocchi, per arricchire la Pubblica Amministrazione di giovani figure professionali altamente qualificate nei settori chiave. Per le Province si tratta sicuramente di almeno 1.000 funzionari specializzati per consolidare a livello provinciale le strutture di progettazione, gestione degli appalti e trasformazione digitale che avranno un ruolo determinante nell’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, anche in assistenza ai Comuni. Sarà un primo importante segnale di cambiamento oltre all’attenzione e alle risposte concrete già avute. L’incontro di oggi è stato per Upi estremamente positivo perché dà l’avvio un nuovo modo di improntare le relazioni che il Ministro ha tenuto a sottolineare: un confronto e una collaborazione costante per trovare insieme soluzioni e verificarne l’efficacia”.

Questo sito NON utilizza cookies di profilazione, utilizza invece cookies tecnici e di terze parti. Per conoscere quelli utilizzati e la loro disabilitazione consulta l'Informativa completa. Cliccando su Accetto o proseguendo nella navigazione del sito (click, scroll, etc.), presti automaticamente il consenso al loro utilizzo.