Silvia Chiassai Martini, Presidente della Provincia dichiara : “E’ obiettivo della Provincia di Arezzo ripristinare quanto prima la viabilità nella strada provinciale 69 che conduce da Badia Prataglia verso l’Eremo di Camaldoli. La strada in questione infattiè stata interdetta al traffico dallo scorso 18 febbraio per motivi di sicurezza, a seguito

di un distacco massiccio di pietre dalla parete a monte. Da immediate verifiche eseguite dai nostri tecnici anche con l’ausilio di drone, è emerso un quadro fessurativo molto preoccupante. Le fessure rilevate di recentissimo aggravamento, interessano una grossa massa che risulta essere in precario equilibrio ed incombedirettamente sulla strada. L’evidente situazione di pericolo ci ha costretti a chiudere completamente la carreggiata ed al contempo ci siamo attivati per le operazioni necessarie per la messa in sicurezza propedeutica proprio per procedere quanto prima alla riapertura. Lo stato dei luoghi non permette un intervento di disgaggio a mano che risulterebbe troppo pericoloso, sara' necessario intervenire con micromine. Comprendo pienamente i disagi di coloro cheabitualmente percorrono questa viabilità ed in particolare gli abitanti e le attività commerciali che vi insistono, ma vi assicuro che la Provincia si sta adoperando con tutta la celerità che il caso richiede, mettendo a disposizione immediata oltre al personale, anche le somme necessarie, che da una prima analisi risultano essere di circa 400 mila euro.” Laura Seghi Capogruppo in Consiglio Provinciale che da Casentinese a cui sta molto a cuore la ripartenza delle attività commerciali e la qualità della vita dei cittadini, segue l’evolversi della questione, affinché venga ripristinata nel più breve tempo possibile la circolazione stradale.

12/03/2021

Questo sito NON utilizza cookies di profilazione, utilizza invece cookies tecnici e di terze parti. Per conoscere quelli utilizzati e la loro disabilitazione consulta l'Informativa completa. Cliccando su Accetto o proseguendo nella navigazione del sito (click, scroll, etc.), presti automaticamente il consenso al loro utilizzo.