PRECISAZIONI IN MERITO ALLO SPRAR

La Presidente della Provincia di Arezzo Silvia Chiassai Martini chiarisce in merito alla decisione di interrompere l’adesione allo Sprar – Sistema di Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati : “Ritengo che ci sia stata una sbagliata interpretazione delle parole gestire e rendicontare i fondi legati allo Sprar, che non significa assolutamente trattenerli nel bilancio della Provincia e destinarli ad altre attività. Non ho mai dichiarato che le risorse legate allo Sprar debbano essere destinate alle competenze in capo alla Provincia; non ho mai detto che sono finanziamenti interni dell’ente; ma bensì che la dotazione organica dell’ente per la Legge Delrio, si è assottigliata e ridotta all’osso. Si fatica nella quotidianità a portare avanti le funzioni istituzionali, quali le questioni scolastiche come la programmazione, le misure per il sostegno ai Comuni per il diritto allo studio, le azioni di supporto alle istituzioni scolastiche per l’inclusione degli alunni diversamente abili, l’edilizia scolastica e tutto il settore delle viabilità, con le continue emergenze. Ribadisco inoltre che la tematica del sociale non è di competenza della Provincia. Nonostante questo, con senso di responsabilità, la Provincia porterà avanti gli impegni presi per tutto il 2019, in attesa che venga decisa una nuova organizzazione.